Seleziona una pagina

Conservare le bollette e perchè ? Viviamo in un’epoca in cui abbiamo la possibilità di ricevere tutti i documenti e fatture in modalità elettronica e digitale, il che rende più semplice e senza spreco di carta conservare le ricevute di pagamento delle bollette vecchie.
Anche se può sembrare una perdita di tempo conservarle ti garantisco che non è affatto inutile.
Non capita di rado, infatti, che le società di fornitura del servizio elettrico, idrico e del gas chiedano dei pagamenti per importi già pagati.
In questi casi la ricevuta del versamento già corrisposto sarà sufficiente per contrastare qualsiasi illegittima pretesa.

Cosa bisogna conservare ?

Ciò che bisogna conservare è la ricevuta di pagamento, non tanto la bolletta: solo la prima, infatti, costituisce prova dell’avvenuto pagamento, mentre la seconda è un documento necessario all’utente per verificare i consumi.

  • Se hai un fornitore che ancora ti manda a casa il cartaceo, richiedi la fattura in formato digitale. Pensa a quanta carta sprecata che non appena ricevuta buttiamo puntualmente nel cestino.
  • Se hai già un fornitore che ti manda le bollette elettroniche tramite email, ti basterà creare una cartella sul tuo pc per conservare e catalogare tutto al meglio. Conservare le ricevute di pagamento delle bollette vecchie serve per evitare che, in seguito alla contestazione di morosità, si debba versare una seconda volta l’importo dovuto.

Per quanto tempo bisogna conservare le bollette ?

Dal 2 marzo 2018, il termine di prescrizione delle bollette della luce è passato da 5 anni a 2 anni. Questo significa che:
• le bollette della luce pagate fino al 1.03.2018 vanno conservate per cinque anni.
• le bollette della luce pagate dal 2.03.2018 in poi vanno conservate per due anni soltanto.

NB: le bollette della luce contengono ora anche la parte riferita al canone Rai. La questione si complica perché l’imposta televisiva ha un termine di prescrizione molto più lungo: 10 anni.

E le Bollette dell’acqua ?

conservare le bollette e perchè

Dal 2 gennaio 2020, il termine di prescrizione delle bollette dell’acqua è passato da 5 anni a 2 anni. Questo significa che:
• le bollette dell’acqua pagate fino al 1.01.2020 vanno conservate per cinque anni.
• le bollette dell’acqua pagate dal 2.01.2020 in poi vanno conservate per due anni.

Esiste un sistema per non conservare le ricevute ?

CERTO….Quando si opta per la domiciliazione bancaria delle utenze è possibile evitare di conservare le bollette, questo perché è possibile risalire all’adempimento tramite l’estratto conto corrente bancario o postale.
Solo nel caso di estinzione del conto corrente sarà necessario stampare gli estratti e conservarli in archivio.
E QUINDI E QUESTA LA STRADA CHE ABBIAMO PRESO NOI DI GUADAGNA ENERGIA, BOLLETTE SMART VIA EMAIL E SOLO DOMICILIAZIONE BANCARIA DELLE UTENZE…NIENTE PIU’ CARTA
NIENTE CONSERVAZIONE DI RICEVUTE!!!

TUTTO QUESTO E’ POSSIBILE GRAZIE A GUADAGNA ENERGIA E IL SUO PARTNER…e se vorrai ti guiderà nel conoscere questa realtà!

Considera che questo è solo uno dei molti contenuti di valore di Guadagna Energia e se vuoi avere informazioni inerenti l’argomento puoi raggiungerci nel gruppo Facebook o nel canale Telegram appositamente dedicati a questo.

lavorare con l'energia
lavorare con l'energia

#conservarelebollette #bollettasmart #guadagnaenergia #azzeriamolagreen #greemeconomy #sharingeconomy #communityguadagnaenergia #bollettazero #bolletteazzerate #perquantoconservarelebollette #bollettadigitale #bollettanopensieri #dimenticalebollette

2
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x